Seleziona una pagina

Sporcizia e detriti che si accumulano sul tetto provocano uno scorretto deflusso delle acque piovane e minacciano la tenuta della copertura, oltre a rischiare di intasare gli scoli con conseguente riversamento delle acque fuori delle grondaie, provocare infiltrazioni e danni alle murature e facilitare il proliferare di insetti come mosche e zanzare.

Il periodo dell’anno migliore per la pulizia di tetti e grondaie è l’inizio dell’autunno, quando cominciano a cadere le prime foglie dagli alberi. In questo modo si liberano gli scarichi dalle ostruzioni e li si preparano ad accogliere le piogge dei mesi successivi senza intasarsi.

Riguardo alla frequenza, se vicino alla casa non ci sono alberi caducifoglie è sufficiente una volta all’anno. Invece se il tetto e le grondaie della vostra abitazione vengono ricoperti spesso da foglie secche è meglio pulirli due volte l’anno.